Il metodo per pianificare un obiettivo nel tuo Bullet Journal

In questo articolo ti voglio descrivere un piccolo e semplice metodo che sto adottando da qualche tempo, che aiuta me ed i miei amici a pianificare e raggiungere degli obiettivi.

Qualche tempo fa stavo parlando con un amico che mi ha confidato di avere problemi su come pianificare gli obiettivi per realizzare un suo progetto personale,  precisamente un corso online che lui voleva creare.

Così come ho già scritto in altri articoli, il dover affrontare un grosso progetto da la sensazione di essere Davide che affronta Golia. Infatti un grosso progetto, il più delle volte, ha l’aspetto di una grande montagna insormontabile.

Organizzare il lavoro in 3 semplici mosse

La mia vita secondo il Bullet Journal

Visto che la pianificazione di progetti è un’attività che “vivo” quotidianamente, lui mi ha chiesto consigli su alcuni trucchi che potevano consentirgli di raggiungere il suo obiettivo.

Lui stava avendo problemi nel suddividere un grosso progetto in fasi minori o sottoprocessi con scadenze settimanali e mensili.

Bullet Journal

Lui già stava utilizzando un metodo di pianificazione, con l’aiuto di una agenda standard. Il suo metodo ovviamente era poco efficace oppure non era idoneo al suo caso.

Io gli ho consigliato di azzerare tutto e, per questo progetto, utilizzare il Bullet Journal (ti lascio il link al sito originale bulletjournal.com ). All’interno del BuJo gli ho consigliato di creare una struttura di pianificazione semplice che ben si coniugava con le sue attività già in corso.

A distanza di qualche mese lui continua ancora a ringraziarmi per il mio consiglio, in quanto il suo progetto ha fatto notevoli passi da gigante.

Il Metodo di pianificazione per progetti complessi

Il metodo è basato esclusivamente sul seguente concetto:

  • suddivisione di un progetto, grande e complesso, in una serie di piccole attività ben più facilmente risolvibili.

Questo concetto fondamentale non è di mia invenzione, ma è sempre presente in qualsiasi corso di project management, e quindi in qualsiasi grande azienda che lavora su grandi progetti.

passo n.1 – attività settimanali.

La prima cosa da fare è sicuramente suddividere le attività per importanza e per complessità, che molto spesso è direttamente proporzionale al tempo necessario per poter svolgere una determinata attività. Nel caso in esempio, il videocorso, ho suggerito di suddividerlo in tanti piccoli capitoli, e di scriverne uno a settimana, lui ha scelto di porsi come obiettivo quello di scrivere qualche pagina di questo corso. Questa attività gli impegnerà qualche ora a settimana, ma non sarà tanto grave da scombussolare tutti i suoi impegni.

passo n.2 – attività mensili

Come secondo passo gli ho suggerito di realizzare delle attività più impegnative per il suo video corso, attività che avrebbero occupato l’impegno di un weekend o di qualche giorno al mese. Nel suo caso ad esempio poteva registrare le prime lezioni il primo mese, mentre nel secondo mese poteva semmai fare il videoediting, mentre il terzo mese poteva curare la grafica o il marketing.

passo n.3 attività impegnative trimestrali

La scelta di attività che in partenza si presentano impegnative e che sarà necessario uno sforzo maggiore per poterle portare a termine, verranno messe in calendario con scadenza trimestrale. Ad esempio il partecipare a fiere o eventi che possono mettere in evidenza il suo corso, oppure l’editing delle pagine web del suo sito internet per la sponsorizzazione e l’acquisto del suo videocorso.

Come puoi notare non tutte le settimane,  o mesi o trimestri devono per forza essere uguali.

Schema della suddivisione delle attività

Nello schema che ti ho proposto, puoi notare come i rettangoli rappresentano le attività e le sotto attività, mentre la dimensione dei rettangoli rappresenta l’impegno necessario per compierla.

Questo quindi rappresenta il classico caso di un obiettivo che necessita di sei mesi per poter essere completato.

Io sto cercando di applicare questo metodo allo sviluppo del mio blog, ed ho suddiviso le attività secondo l’impegno che secondo me era richiesto. Non ti nascondo che ancora oggi devo cercare di tarare meglio le scadenze con le attività, ma pian piano sto sempre più affinando la mia tecnica.

Come sempre spero di esserti stato d’aiuto, se vuoi consigli su come suddividere il tuo grande progetto puoi scrivermi in privato, o lasciare un commento qui sotto e sarò sempre lieto di aiutarti.

Raffaele Dipace

Curioso, con tanta voglia di scoprire ed inventare, con la passione per il cinema, il planning, il fai da te, il giardinaggio e ovviamente internet e tecnologia. Ingegnere nel resto della giornata.

30 pensieri riguardo “Il metodo per pianificare un obiettivo nel tuo Bullet Journal

  • 20 Nov 2018 in 21:46
    Permalink

    Questa storia del BuJo sta diventando di mio interesse e sinceramente non ho mai avuto tempo (la vogliamo chiamare voglia?) di mettere mano ad uno di essi. Mi riprometto di poter metterci mano, non solo per il blog. grazie mille dei consigli!

    Risposta
  • 20 Nov 2018 in 21:54
    Permalink

    Io sono piuttosto restia a fare una pianificazione temporale specie sul progetto di pianificazione di un corso online e ti spiego perché. Anch’io faccio corsi online e la progettazione ti assicuro che non è così fluida del tipo: il primo mese penso ai contenuti e il secondo mese al video editing . Proprio la fase di video editing richiede di tornare ai contenuti perché magari ti accorgi che il video viene più lungo di quanto l’avessi pensato e devi spezzare il blocco della prima lezione in altre lezioni. Per la progettazione di un corso online, la semplice check list si rivela indubbiamente lo strumento di progettazione più flessibile perché la modifichi e la riadatti a seconda delle esigenze che emergono durante l’implementazione del corso. La pianificazione temporale, se da un lato aiuta a non procrastinare, dall’altro mette fretta nella creazione di un prodotto che ne è allergico: il contenuto inteso “cosa” e “come” è sostanza vitale e garanzia di successo. Considerando che ci sono ancora pochi competitor, se pubblichiamo un po’ in ritardo, non è un dramma.

    Risposta
  • 21 Nov 2018 in 10:23
    Permalink

    A gennaio 2018 mi ero ripromessa di iniziare un BuJo, sono durata fino ad aprile, poi sono andata in vacanza, non l’ho portato con me e ho perso interesse. L’ho ritrovato da poco e vorrei riprenderlo in mano. Serve solo molta costanza!

    Risposta
  • 21 Nov 2018 in 11:43
    Permalink

    Io devo dire che sono una super organizzata per natura ma con gli anni e gli impegni da mamma, mi servirebbe un bullet journal 😉

    Risposta
  • 21 Nov 2018 in 11:55
    Permalink

    adoro questo tipo di cose, io cerco di programmare tutto, ma alla fine non lo seguo mai! ahah molto probabilmente sbaglio qualcosa!

    Risposta
  • 22 Nov 2018 in 12:09
    Permalink

    Io dovrei decisamente seguire i tuoi consigli. Mi accorgo spesso che se non metto per iscritto i miei obiettivi poi va a finire che non li raggiungo. Seguire il metodo a tre passi spero mi aiuti molto!

    Risposta
  • 22 Nov 2018 in 18:10
    Permalink

    Io adoro questo tipo di cose. Parliamoci chiaro sono un gran programmatore ahahah Quel che conta è seguire poi il programma nei limiti possibili.

    Risposta
  • 22 Nov 2018 in 21:58
    Permalink

    Ottimi consigli, pianificare le cose aiuta a vedere meglio i progetti nel loro insieme

    Risposta
  • 23 Nov 2018 in 20:57
    Permalink

    efficace e senza sprechi di tempo questa suddivisione pianificata mi hai dato un ottimo suggerimento grazie

    Risposta
  • 23 Nov 2018 in 22:57
    Permalink

    grazie per questi suggerimenti sono abbastanza organizzata ma migliorare non guasta mai

    Risposta
  • 23 Nov 2018 in 22:59
    Permalink

    grazie per questi suggerimenti sono abbastanza organizzata ma migliorare non guasta mai

    Risposta
  • 23 Nov 2018 in 23:48
    Permalink

    Userò i tuoi consigli perché io sono davvero una frana nell’organizzazione

    Risposta
  • 24 Nov 2018 in 2:01
    Permalink

    Il bullet journal e la pianificazione che ci proponi potrebbero essermi di grande aiuto, grazie!

    Risposta
  • 24 Nov 2018 in 10:22
    Permalink

    Questa proposta mi piace tanto, articolo veramente interessante. Ottima idea per organizzarmi meglio.
    Grazie.

    Risposta
  • 24 Nov 2018 in 11:28
    Permalink

    Dovrei, probabilmente, seguire un metodo come questo ma alla fine mi lascio guidare dalla spontaneità e dall’istinto. Questa è la fase che vivo adesso. Eppure un tempo organizzavo tutto al dettaglio.

    Risposta
  • 24 Nov 2018 in 11:57
    Permalink

    Ecco un altro ottimo consiglio, che io dovrei assolutamente seguire, data la mia tendenza alla disorganizzazione! Mettere per iscritto progetti e obiettivi, e suddividerli in parti più piccole, per gestirli meglio!

    Risposta
  • 24 Nov 2018 in 23:25
    Permalink

    Mia sorella ha appena acquistato un bullet journal e me ne parla spesso! Le passerò questo articolo, sarà sicuramente utile 🙂

    Risposta
  • 25 Nov 2018 in 11:50
    Permalink

    Sento sempre più spesso parlare e leggo sempre più spesso del bulle journal e credo che stia diventando sempre più un must have soprattutto per i freelance agli inizi della carriera.

    Risposta
  • 25 Nov 2018 in 15:46
    Permalink

    Io amo le liste e pianificare tutto. I tuoi articoli sono sempre molto interessanti, complimenti =)

    Risposta
  • 25 Nov 2018 in 22:02
    Permalink

    utile per me che sono una pianificatrice nata e chi tutto a incastro.

    Risposta
  • 25 Nov 2018 in 22:43
    Permalink

    Grazie per i tuoi consigli, li metterò sicuramente tutti i atto perché mi servirebbero proprio.

    Risposta
  • 25 Nov 2018 in 23:07
    Permalink

    Mi pare di capire che questo bullet jurnal sia una cosa da avere per organizzarsi meglio

    Risposta
  • 26 Nov 2018 in 0:25
    Permalink

    Anche io scompongo i progetti complessi in piccole liste di attività semplici da compiere secondo un ordine preciso. Di solito funziona. Fino a quando non mi perdo una lista e le cose si ingarbugliano tutte. Ma diciamo che in questo periodo sono abbastanza ordinata. 😉

    Risposta
  • 26 Nov 2018 in 8:40
    Permalink

    Non l’ho mai usato, non ne conoscevo nemmeno l’esistenza. di solito sono una disorganizzata cronica, ci penserò.

    Risposta
  • 26 Nov 2018 in 11:07
    Permalink

    Questo articolo calza a pennello per me che sto imparando a conoscere il mondo del Bujo! Grazie, utilissimo

    Risposta
  • 26 Nov 2018 in 13:48
    Permalink

    io sono disordinata e disorganizzata….. non riuscirei mai a seguire la pianificazione di un programma ….. sballerei sempre tutto

    Risposta
  • 26 Nov 2018 in 23:55
    Permalink

    dovrei iniziare ad usare questa tecnica per il blog che trascuro sempre molto in favore di altro.. ne prenderò di certo spunto

    Risposta
  • 27 Nov 2018 in 21:35
    Permalink

    Mi piacerebbe essere così organizzata e specialmente avere la costanza di pianificare così precisamente i miei obiettivi. Comunque ci voglio provare!

    Risposta
  • 28 Nov 2018 in 5:26
    Permalink

    Non conoscevo i bujo mi hai aperto un nuovo mondo…. E poi sono una frana ad organizzarmi!

    Risposta
  • 28 Nov 2018 in 21:37
    Permalink

    Dico sempre che devo iniziare a creare il mio Bollett Journal ma non lo creo mai! Però ci proverò magari seguendo i tuoi suggerimenti 😊

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: