La storia delle Moleskine

Ci sono oggetti così iconici che entrano nell’immaginario comune come strumenti tradizionali disponibili anche da centinaia di anni. È il caso dei taccuini Moleskine, a pensarci sembra siano sempre esistiti! Se anche tu sei curioso di sapere come sono nati i famosi taccuini neri continua a leggere questo articolo

Nei miei precedenti articoli  ti ho raccontato del mio amore per questi taccuini, semplici e compatti, compagni di vita da oltre tre anni.

Io lo porto sempre con me, uso solo il formato A5 con copertina rigida, ed è ormai un compagno di vita.

Un giorno mi sono chiesto: come sono nati e dove li producono questi splendidi oggetti? Così ho indagato e scoperto la loro storia.

La storia

In realtà taccuini e agende Moleskine, almeno per quanto riguarda la loro attuale produzione, sono recenti. Sono infatti prodotti da un’azienda italiana con sede a Milano: la Moleskine S.p.a.. 

La Modo & Modo S.p.a. ha iniziato la delle agende Moleskine nel 1997. Nel 2006, venne acquisita da un fondo di investimento francese (Société Générale Capital).

Le origini

La storia delle Moleskine inizia quindi poco più di 20 anni fa, ma riprende una tradizione francese di almeno un secolo prima.

Taccuini con le stesse caratteristiche erano molto diffusi in Europa grazie al lavoro di una legatoria artigianale Parigina. Questa riforniva la stragrande maggioranza delle cartolerie di Parigi.

I taccuini erano molto apprezzati dagli artisti in cerca di uno strumento semplice che permettesse di fare qualche schizzo, annotare pensieri mentre ci si trovava nelle strade di qualche cittadina, mentre si sostava in un caffè, mentre si era in viaggio e così via.

Così come riportato anche nel sito della Moleskine , artisti celebri in tutto il mondo utilizzavano taccuini neri tra cui Oscar Wilde, Ernest Hemingway, Vincent van Gogh, Pablo Picasso ed Henri Matisse. Fu Bruce Chatwin che nella sua opera “Le vie dei canti” conferì, inconsapevolmente, il nome “Moleskine” (che in francese significa “imitazione della pelle”).

In “Le vie dei canti” infatti Chatwin racconta la storia del suo fornitore di taccuini, un cartolaio parigino in Rue de l’Ancienne Comédie, da cui ebbe la notizia nel 1986 che il produttore, un’azienda di Tours a conduzione familiare, aveva interrotto la produzione in seguito alla morte del proprietario.

Fu proprio grazie all’opera di Chatwin che la Modo & Modo S.p.a. decise nel 1997 di produrre e distribuire i taccuini neri tanto apprezzati da artisti ed intellettuali sotto il nome Moleskine.

La produzione iniziale fu di 5000 unità, e nel 1999 la distribuzione arrivo in Europa, negli Stati Uniti e in Giappone. Il principale canale di vendita sono, ancora oggi, librerie e design store.

Ai giorni d’oggi

Attualmente i taccuini Moleskine sono disegnati in Italia e stampati, assemblati e cuciti prevalentemente in Cina ma anche in Italia, Francia, Turchia.

Artisti, uomini d’affari e viaggiatori di tutto il mondo apprezzano oggi questi taccuini.

Io le ho conosciute durante il mio studio sul bullet journal, in cui il suo ideatore utilizzava uno di questi taccuini. 

Scrivimi nei commenti se anche tu utilizzi questi quaderni, o se li trovi scomodi, oppure se ne fai un uso alternativo.

Raffaele Dipace

Curioso, con tanta voglia di scoprire ed inventare, con la passione per il cinema, il planning, il fai da te, il giardinaggio e ovviamente internet e tecnologia. Ingegnere nel resto della giornata.

17 pensieri riguardo “La storia delle Moleskine

  • 4 Dic 2018 in 13:14
    Permalink

    Comprarne una, metterla in un cassetto e dimenticarmene in un colpo solo! Ecco la storia della mia moleskine! Eppure sono utilissime…

    Risposta
  • 4 Dic 2018 in 14:17
    Permalink

    Mai avuta o usata una ma l’ho sempre regalata da gente che la apprezzava davvero. Almeno loro ne facevano buon uso!

    Risposta
  • 5 Dic 2018 in 13:14
    Permalink

    Io ho una sorta di dipendenza dai taccuini Moleskine. Ne ho sempre almeno tre in casa, rigorosamente neri. Non conoscevo tutta la storia. Davvero interessante!

    Risposta
  • 5 Dic 2018 in 14:46
    Permalink

    Amo i taccuini Moleskine, ne ho sempre uno in borsa nero per prendere appunti é il mio compagnio affidabile, perché per quanto io possa essere sbadata, anche se viaggia di continuo da una borsa all’altra, per quanto io possa lanciarlo é bello solido e resiste a tutto.

    Risposta
  • 5 Dic 2018 in 21:53
    Permalink

    Molto interessante la storia dei taccuini Moleskin non la conoscevo! Dico sempre che ne devo acquistare uno ma ancora non l’ho fatto!

    Risposta
  • 7 Dic 2018 in 9:26
    Permalink

    Non pensavo che ci fosse tutta questa storia dietro queste agendine! Pensare che io stessa ne ho sempre una dietro!

    Risposta
  • 7 Dic 2018 in 10:07
    Permalink

    Non le uso. Le ho provate ma secondo me il prezzo non vale la qualità. Da anni mi affido a Filofax.

    Risposta
  • 7 Dic 2018 in 18:32
    Permalink

    Le Moleskine sono un must ormai. Io le regalo spesso a Natale e sono sempre molto gradite

    Risposta
  • 7 Dic 2018 in 22:11
    Permalink

    Non conoscevo la storia di questi famosi taccuini….. i Moleskin….. davvero molto interessante!

    Risposta
  • 8 Dic 2018 in 17:12
    Permalink

    grazie per tutte queste info. amo leggere le curiosità su oggetti che sono parte del quotidiano

    Risposta
  • 8 Dic 2018 in 19:01
    Permalink

    uso le agende e i quadernini ma non ho mai avuto una moleskine! forse perchè le copertine troppo sobrie non fanno proprio per me! 😉

    Risposta
  • 8 Dic 2018 in 20:59
    Permalink

    Io le trovo utilissime .. sono una malata di agende e taccuini.
    La storia però non la conoscevo, interessante saperla però =)

    Risposta
  • 8 Dic 2018 in 21:25
    Permalink

    Le amo molto, ma solo da possedere, difatti non le uso, in questo momento ne ho una nuovissima di palla, color rossa, stupenda!!

    Risposta
  • 9 Dic 2018 in 1:28
    Permalink

    Non ho mai avuto una di queste agendine ma quando vado in libreria le guardo sempre!

    Risposta
  • 9 Dic 2018 in 13:42
    Permalink

    Io ne ho una ricevuta per Natale di qualche anno fa dal mio compagno, devo ancora usarla, perché aspetto “l’occasione” tanto la reputo un must

    Risposta
  • 11 Dic 2018 in 1:03
    Permalink

    non ne ho mai avuta una ma ora che ho la storia una me la procura

    Risposta
  • 12 Dic 2018 in 18:24
    Permalink

    Ciao 🙂 non sapevo che l’azienda produttrice delle agende moleskine fosse italiana. Grazie per averci parlato della loro storia.
    Maria Domenica

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: